Come nasce un farmaco

Dalla scoperta di un potenziale nuovo farmaco al suo utilizzo sicuro nei pazienti
Mercoledì 19 Maggio 2021, ore 11:00-12:15

Rivolto a Scuola secondaria di II grado

Con Laura Carminati, ricercatrice AIRC


Registrati o fai il login per iscriverti al webinar, rivederlo o scaricare i kit didattici.
Ti ricordiamo che la registrazione su questo sito è riservata ai docenti e ai genitori/tutori nel caso di minori (16-17 anni)

Vi ricordiamo che l’iscrizione su questo sito è riservata ai docenti: condividete la proiezione del webinar in classe o in caso di DAD condividete con gli studenti il link che si apre seguendo il bottone blu "iscriviti a questo webinar", in modo che ciascuno si iscriva al form e riceva il proprio personale link di accesso all'evento. Vi aspettiamo numerosi.

Abstract
Mai come in questo lungo periodo di pandemia da Covid-19 abbiamo sentito parlare di sviluppo e regolamentazione di nuovi farmaci (in questo caso vaccini). Ne approfittiamo dunque per far luce sui numerosi passaggi che accompagnano questo sviluppo, dalla scoperta di molecole che sembrano avere proprietà terapeutiche interessanti ai passaggi di ottimizzazione chimica; dai primi esperimenti di laboratorio alle tre fasi successive della sperimentazione clinica con i pazienti per arrivare alla registrazione da parte degli enti regolatori e all'ingresso sul mercato. Lo facciamo con la ricercatrice AIRC Laura Carminati, concentrandoci in particolare sullo sviluppo dei farmaci oncologici e sul suo progetto di ricerca, relativo al ruolo di una molecola chiamata trombospondina nello sviluppo di metastasi tumorali. 


Laura Carminati si è laureata in Biologia all'Università di Milano Bicocca. Dopo aver frequentato il corso di Specialista in ricerca biomedica presso l'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, è ora dottoranda presso lo stesso Istituto, in un corso in collaborazione con la Open University (UK). Lavora dal 2016 nel laboratorio di Microambiente tumorale della sede di Bergamo dell'Istituto Mario Negri. Focus del laboratorio è lo studio dell'interazione tra le cellule tumorali e il microambiente circostante, che contribuisce alla crescita del tumore stesso. Obiettivo specifico del progetto di ricerca di Carminati è studiare il coinvolgimento della proteina trombospondina in un particolare microambiente tumorale, quello delle metastasi all'osso.